< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/02/2005

    Asfittica

    Filed under: — JE6 @ 10:52

    Capita che i post partano per la tangente, perchè contengono incisi che aprono la strada a discussioni che non c’entrano nulla – o quasi – con l’oggetto principale.
    E’ quanto è successo con questo post di ieri, nel quale ho scritto: questo dibattito (…) mi pare mille volte più interessante delle asfittiche discussioni sull’io-scrittore nelle quali io stesso mi infilo, pentendomi solo pochi minuti dopo.
    C’è chi se ne è avuto a male, e forse con qualche ragione.
    In effetti, ho usato un aggettivo non appropriato: asfittico, stando al vocabolario, significa “privo di vitalità, di forza espressiva”. E no, non volevo dare questo significato alle mie parole. Volevo dire che entro in certe discussioni perchè mi interessano, rendendomi però conto, in breve tempo, che la maggior parte di questi dibattiti si incarta nella difesa ostinata e sterile delle proprie posizioni, si sviluppa con prose faticose (per me, solo per me), usa concetti e immagini francamente sproporzionate rispetto a qualunque tema (dall’io-scrittore al guardiano-della-soglia) e si conclude con i partecipanti estenuati e fermi al loro punto di partenza.
    Generalizzo? Sì, certo. Non funziona sempre così, per fortuna. Ma spesso sì, ed ogni volta, mentre mi guardo allo specchio, mi risuonano nelle orecchie – ommioddio – le immortali parole di Marco Masini: perchè lo fai?

    13 Responses to “Asfittica”

    1. Carlo Says:

      ma lei riesce a rimanere sveglio fino alla fine della lettura?

    2. Effe Says:

      di questo post, Carlo?
      Per quel che a me pare, la toppa è peggiore del buco
      (e poi “l’anima con enfisema” è repertorio del vecchio herzog da lei reclamato, Sir. Un omaggio, non l’ha apprezzato?)

    3. Squonk Says:

      Dottor Brodo, la smetta.
      Herr, mi dispiace sinceramente che lei la stia prendendo così male (e poi, mi permetta: buco? toppa? io non vedo nè l’uno nè l’altra).
      Vorrei che rileggesse quello che ho scritto: entro in certe discussioni perchè mi interessano. E mi interessano perchè mi piace parlare di scrittura, di lettura, sono argomenti che mi appassionano, che significano davvero qualcosa per me. Non terrei un blog, se così non fosse.
      E’ il tono di alcune di queste discussioni, che mi stanca. Non ne faccia una questione personale, parlo dell’insieme delle centinaia di interventi. Vede? Dopo tanto scrivere, lei è rimasto della sua, ed io della mia; niente di male, ci mancherebbe. Ma è sempre così, ed è veramente frustrante. Quanto a certe idiosincrasie espressive, non so che farci: a me, l’io-scrivente e l’io-leggente vanno venire l’orticaria, non perchè non ne intenda il significato, ma, anzi, proprio per quello. Se lo ricorda il Moretti di Palombella Rossa, quello de “le parole sono importanti”? Ecco. Sforziamoci un po’ tutti: scrivere/parlare come Mike Bongiorno o Pippo Baudo non è necessariamente una brutta cosa.

    4. sphera Says:

      Allegria!

    5. Carlo Says:

      no, dei 345 commenti in finestrella (o erano 498, o 654, o zzzzzzzzzzz.

    6. Carlo Says:

      scusate, era una manifestazione dell’io-dormiente.

    7. palmasco Says:

      Non saprei… dicono che anche Baggio (Roby codino) si sia chiesto perché lo fai? prima di tirare un rigore, poi hanno dovuto spendere milioni per cambiare quel tiro al computer.
      Volevi dire che quell’Italia era noiosa perché giocava arroccata sulle proprie posizioni? Del resto… squadra che vince non si cambia.
      Io cambierei le regole, direi che anche se si ha ragione bisogna tirare entro 24 secondi, se no bisogna stringere la mano all’avversario alla fine della partita gridandogli AKA!!! nell’orecchio.
      Se no il pubblico s’addormenta.
      (ho risposto bene?)

    8. Squonk Says:

      Boh, vedi tu. E poi, Baggio non ha mai giocato in un’Italia vincente: l’unica capace di perdere una finale dei mondiali ai rigori, per dire.

    9. marco Says:

      Squonk, lei e’ davvero astuto.
      Da una parte parla di stanchezza per discussioni troppo elaborate e dall’altra alza di netto il profilo intellettuale della contesa scomodando pesi massimi del pensiero occidentale.
      Marco Masini, poffare messere.
      Non so se riusciro’ a seguirvi.
      Torno alla mia lettura di ‘Essere e tempo’.

    10. Squonk Says:

      Sto tenendo in serbo Toto Cutugno e Mino Reitano; se mi tocca giocare il jolly, vado su Rita Pavone.

    11. marco Says:

      Non si scordi il primo Jovanotti e l’ultimo Celentano, non lo meritano.

    12. MassimoSdC Says:

      Non per me, Sir: io leggo anche (se non soprattutto) per cambiare idea.
      Almeno un po’.
      E succede spesso.
      Per fortuna.
      Mia.
      😉

    13. Chettimar Says:

      Mahatma, posto che la discussione in questione mi fa venire il mal di testa (non sono un amante del meta-), il “lei è rimasto della sua, ed io della mia” è la prassi nella quasi totalità delle discussioni, specie quelle via blog.

    Leave a Reply