< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2005
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/05/2005

    Vittorioso declino

    Filed under: — JE6 @ 11:38

    Ieri, un gentile lettore mi ha fatto notare che l’espressione “vittorioso declino” (usata con riferimento alle sorti politiche di Tony Blair) è un ossimoro.
    Ringrazio per la segnalazione, assicuro che ero consapevole dell’artificio retorico e, ciò nonostante o forse proprio per questo, lo ripeto – addirittura nel titolo.
    Di vittoriosi declini è piena la storia. Prendiamo, chessò, un Lance Armstrong: lo vedi che non è più quello di una volta; fa sempre più fatica, si ha l’impressione sempre più forte che se la cavi per il rotto della cuffia. E, comunque, il Tour de France lo vince lo stesso. La vittoria cancella il declino? Secondo me, no. E la vittoria di Tony Blair non fa eccezione.