< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/09/2005

    O me la dai, o me ne vado

    Filed under: — JE6 @ 13:17

    Il fine politologo che è in me trova decisamente bizzarra la tesi esposta oggi da Giovanni Sartori sul Corriere, secondo il quale “sotto elezioni la pistola dei partitini diventa scarica. Sotto elezioni il governo è a termine, i partitini-ricatto non lo possono far cadere perchè decade da sè“.
    Mi chiedo, infatti, che cosa sia quello che sta facendo l’UDC nei confronti della cosiddetta CdL: o ci date la legge proporzionale, o lasciamo la coalizione e questa le elezioni non le vince neanche dipinta. Il governo, in effetti, sta per decadere per raggiunta scadenza del mandato: ma ciò non impedisce il ricatto (amichevole invito, va meglio?) se questo può avere effetti nell’immediato futuro. O no?
    Corriere.it

    2 Responses to “O me la dai, o me ne vado”

    1. Anonymous Says:

      E’ forse il gioco delle parti?

    2. Antonio Says:

      Altrove fa notare che una riforma elettorale deve comunque essere bipartisan, altro punto che mal si concilia con provvedimenti presi in esaurimento di legislatura. Ma l’esperto è lui.

      ciao

    Leave a Reply