< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • October 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/10/2005

    Allora non mi vuoi bene

    Filed under: — JE6 @ 14:56

    La vita è già abbastanza dura da non far sentire bisogno di ulteriori botte di tristezza. Come questa: provate a pensare a una cosa che vi dà fastidio fisicamente… (…) ecco, a me dà fastidio fisicamente la birra. ne provo repulsione, raccapriccio, odio baciare uomini che hanno bevuto birra, odio quando mi viene rovesciata addosso, odio quando ci sono i bicchieri che colano birra sui tavoli.
    Tentatividifuga

    Il profumo della Rosa

    Filed under: — JE6 @ 10:14

    Nel parco del Martin Luther King Memorial Center di Atlanta si trovano due piccoli sentieri pavimentati, dedicati a uomini e donne che hanno combattuto contro la segregazione razziale; per qualche decina di metri si cammina sopra a delle grandi piastrelle di marmo nero, sulle quali sono disegnate le impronte di due piedi e il nome di una persona.
    Molti di questi nomi sono conosciuti (Jesse Jackson, Andrew Young), oppure sono preceduti da un titolo onorifico che ne fa intuire il ruolo sociale: Giudice, Senatore, Reverendo. Fra tutte quelle piastrelle, però, ce n’è una che riporta il nome di una rammendatrice, una piccola donna che un giorno di cinquant’anni fa fece un gesto semplice come era lei: si rifiutò di cedere il posto sull’autobus a una persona che non aveva nessun diritto di occuparlo, se non quello – presunto – derivante dal colore della pelle. Un gesto piccolo, che però diede inizio a qualcosa di molto più grande.
    Quella piccola donna si chiamava Rosa Lee Parks, ed è morta ieri.
    Repubblica.it, MLK Jr National Historic Site