< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • Sapone
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    04/11/2005

    Herr Professor

    Filed under: — JE6 @ 11:17

    Qualcuno di voi mi sa dire qual è l’iter che si segue per attribuire ad una persona il titolo di “Professore”?
    Così, per curiosità. Perchè alle cinque del mattino, guardando Nettuno (l’università, non il pianeta, zucconi), ci si imbatte nel Professor Alessandro Cecchi Paone, che tiene un corso sulla tecnica del documentario, oppure nel Professor Felice Casson, che insegna diritto dell’ambiente. Attendo le lezioni della Professoressa Lecciso, insomma.
    Nettuno – Network per l’università ovunque

    10 Responses to “Herr Professor”

    1. spiritum Says:

      Tu per me sei un Professore.

    2. Ja Says:

      semplice. come il titolo di dottore, quello di professore non si nega a nessuno, dagli insegnanti alle medie a chiunque faccia un corso di uncinetto.

    3. cyrano Says:

      In Italia le scuole sono piene di “professori” che non sanno insegnare (sul serio: non sanno farlo!). Inoltre le lauree honoris causa vengono distribuite a piene mani a persone che non sanno una cippa della relativa materia. Quando ci libereremo di questa spazzatura baronale che ci pone al di fuori dei consessi civili? Valorizzare i talenti, si deve, al di là del pezzo di carta. Poi magari Cecchi Paone e Casson non sono capaci… cyrano

    4. mucho maas Says:

      se ne fregiano spesso, non so quanto correttamente, tutti coloro che hanno un corso come professore a contratto presso una qualche università. Questo non implica che essi appartengano a una delle due fascie di docenza previste (professori ordinari e associati, che hanno superato un concorso per un posto di ruolo). Per tenere un corso a contratto (che di norma viene messo all’albo ogni anno) si presenta un curriculum che viene valutato e approvato dagli organi competenti (consigli di facoltà etc).

    5. ilaLuna84 Says:

      Lezioni dalla Lecciso? Oh mio Dio!
      A questo punto non me ne meraviglierei…purtroppo.

    6. farfintadiesseresani Says:

      Davvero, un titolo dato a cani e porci (anche a me, per dire).

    7. Lot Says:

      Giusto. Mi si chiami pure Prof-Lot (qualche lezione all’università l’ho tenuta pur’io, che diamine).

    8. Gilgamesh Says:

      Oh, beh, io sarei potuto essere il più giovane associato ever dell’università degli studi di Cagliari, dipartimento di Fisica (oggi Istituto) se avessi dato retta al mio relatore, charissimo professor dottor Guido Pegna (gran brava persona) e fossi rimasto là a far da assistente, poi dottorato di ricerca e infine il concorso.. ‘nsomma altri 6 anni a carico dei miei genitori, salvo qualche lavoretto spot tipo ripetizioni e qualche corso regionale di formazione (riqualificazione) professionale.

      E comunque, che brutta parola, se guardiamo l’etimo: da profiteor, professare sapere in pubblico.

      Lo diceva anche Mitch Kapor, in una bella variante dell’assioma di Miller, raccolto da Arthur Bloch nelle leggi di Murphy:

      Chi sa e sa fare, fa. Chi sa e non sa fare insegna. Chi non sa e non sa fare, di norma fa l’esperto.

      Buone consulenze a tutti.

    9. skunk Says:

      Credo vi siano più modalità, una è passeggiare per piazza Plebiscito indossando una giacca.

    10. laflauta Says:

      “chi sa e non sa fare insegna”.
      grazie….

    Leave a Reply