< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/11/2005

    Nostalgiche velleità

    Filed under: — JE6 @ 17:06

    Non so perchè, sul serio.
    Ma mi è tornata voglia di BlogRodeo Live, e di Forza Idillio. Invecchio.

    Bandiera bianca

    Filed under: — JE6 @ 13:22

    La prima reazione, alla notizia che il presidente della FIFA vuole abolire la cerimonia che precede le partite internazionali perchè gli inni sono sempre fischiati dai tifosi di parte avversa, è che questa sia una cazzata di proporzioni notevolissime, giustificata solo dal desiderio di finire sui giornali grazie ad una sparata qualsiasi.
    La seconda reazione è che, a pensarci bene, è difficile lottare contro i mulini a vento, e se gli stadi sono pieni di minus habens che godono spernacchiando l’inno altrui è difficile fare altro che prenderne atto e adeguarsi.
    La terza reazione è che non è nè giusto nè bello arrendersi all’altrui coglioneria, e forse sarebbe bene spremersi un po’ le meningi per capire come risolvere il problema (per dire, al primo fischio su un inno, l’arbitro manda tutti a casa, e la squadra dei fischiatori si prende lo 0-3 a tavolino: piena di controindicazioni, ma almeno è una soluzione).
    Io, di reazioni ho avuto queste tre. La prossima sarebbe stata allergica, quindi mi sono fermato. Magari voi ne avete altre.
    Repubblica.it