< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • December 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/12/2005

    Con le braccia al cielo

    Filed under: — JE6 @ 14:02

    Sign o’ the times calcistici (ma non solo, a pensarci bene), grazie a Emanuele Gamba, su Repubblica:
    “Avremmo infine preferito che Totti ci lasciasse del 2005 un ricordo migliore di quell’esultanza pacchiana, esagerata, fuori luogo. Qualche mese fa aveva “partorito”, mercoledì ha “allattato”. Nulla di spontaneo, tutto preparato, come se l’importante non fosse segnare ma festeggiare, spettacolarizzando pure un evento intimo come la nascita di un figlio. Che nostalgia per quelli che esultavano alzando le braccia al cielo, senza pensarci troppo sopra, o che sfogavano l’istinto come il Tardelli mundial. L’esagitazione dei suoi eredi è un eccesso che testimonia come il calcio sia precipitato verso un mondo d’apparenza, fasullo e nevrastenico, perfettamente accompagnato dalla strepitante colonna sonora dei telecronisti che ne cantano la gesta. Del resto, il più delle volte si urla proprio quando non si ha nulla da dire.”
    Repubblica.it

    5 Responses to “Con le braccia al cielo”

    1. ilaLuna84 Says:

      Credo che esultare per un goal sia diventato anche un modo per mettere alla prova la propria originalità. Niente di strano, considerato che il calcio è, a tutti gli effetti, diventato spettacolo. Non ci vedo nulla di così negativo, però, nel modo in cui un giocatore esulta. Ci sono altre cose più serie su cui ci si dovrebbe soffermare. La violenza negli stadi, ad esempio…

    2. lester Says:

      E’ segno dei tempi che per fare il giornalista sportivo su un giornale sedicente prestigioso non bisogna liquidare l’esultanza di un giocatore con “non mi è piaciuta” e fare il commento tecnico della partita, ma montarci sopra un’indignata articolessa sul “mondo fasullo e nevrastenico”, di una demagogia degna di una discussione fra perdigiorno al bar. Ci mancava solo “con quello che sono pagati”.

    3. Squonk Says:

      Lester: Gamba ha scritto la verità o no?

    4. lester Says:

      Totti ha diritto di di esultare in modo che a me non piace, e di essere giudicato per ciò che fa sul campo. Il calciatore è un eroe popolare, lo è sempre stato, e non ha mai brillato per misura o eleganza; Gigi Meroni e George Best (tra i tanti) sono diventati tali facendo storcere il naso agli Emanuele Gamba dell’epoca, e qui il problema non è se Totti sia pari a Meroni o Best.
      Io non so se il mondo del calcio sia fasullo e nevrastenico, se lo sia più o meno di altri, o del calcio stesso trent’anni fa: ma se lo è, l’indignato articolo sull’esultanza preparata o sul taglio di capelli da n-mila euro è parte della falsità e della nevrastenia quanto la diretta Sky del matrimonio di Totti.

    5. Squonk Says:

      No, non credo che sia così. Prima di tutto, Gamba queste cose le scrive da tempo, insieme ad altri suoi colleghi (prendi Crosetti e Mura, giusto per rimanere a Repubblica). In secondo luogo, si sta giudicando un fatto che avviene, appunto, sul campo. Totti (ma mille altri come lui, a partire da quel fesso di Ravanelli che dieci anni fa lanciò la moda di alzarsi la maglia dopo un gol – e mai nessuno che si schianti, che inciampi, eccheccazzo) quelle cose le fa sul campo, non fuori. Sono parte integrante della sua prestazione sportiva, proprio come lo sputo a Poulsen, per dire. E infine, se dire che il mondo è nevrastenico significa aumentare il grado di nevrastenia del mondo stesso, allora tacciamo e teniamoci gli allattamenti in campo, evidentemente ci vanno bene.

    Leave a Reply