< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/01/2006

    Sui banchi di scuola

    Filed under: — JE6 @ 17:01

    Questo bel post del Professore mi ha fatto pensare a quanta fortuna ho avuto con i miei insegnanti, durante gli anni belli che ho passato studiando. In particolare, quelli della gloriosa Università Commerciale Luigi Bocconi. Ho avuto professori che hanno poi intrapreso – a volte continuandola, altre abbandonandola – la carriera politica: Nando Dalla Chiesa e Stefano Podestà, per fare due nomi. Oppure i professori di micro e macroeconomia, quelli che avevano l’ingrato compito di spiegarci il monopolio e la curva di Laffer, senza indottrinarci sui piani quinquennali o sulla Reaganomics. Riuscendoci, e li ringrazio ancora oggi.
    Però, mi rendo conto che è più facile non condizionare e non avere la tentazione di condizionare i propri studenti, quando questi hanno venti, ventidue, ventitre anni. Hai di fronte gente un po’ più scafata e consapevole, capace di discutere, obiettare, confutare.
    Il vero terreno minato è quello dei bambini. Perchè passano più tempo con te di quanto non ne passano con i genitori, e diventi tu il loro vero educatore (non è proprio così: in classifica vieni dopo il Muciaccia di Art Attack, John Cena della WWA e il Mike Bongiorno di Genius): puoi spingere sull’acceleratore, far entrare dalla porta il creazionismo e uscire dalla finestra il vecchio Darwin, annunciare l’inesistenza di Babbo Natale, cose così. Oppure puoi paralizzarti, e rinunciare a qualsiasi pretesa educativa, perchè dietro ai bambini, quei dolci adorabili bastardi, ci sono i loro genitori, che spesso non sono nè dolci nè adorabili, con i loro “ma lei come si permette di dire queste cose”, “mio figlio lo educo io”, “io la denuncio” e amenità simili.
    Una volta era tutta campagna, e i maestri e i professori godevano di un credito – non sempre meritato, certo – che li metteva al riparo da decine di padri e madri saccenti e ignoranti, lasciandoli soli con gli oneri e gli onori della loro professione. Oggi, immagino che ogni giorno la lezione si possa trasformare in un triplo carpiato senza rete: giuro che non li invidio.
    Farfintadiesseresani

    Abbiamo una banca?

    Filed under: — JE6 @ 09:40

    Quando si dice “fare i conti senza l’oste“.
    Repubblica.it