< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • June 2006
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/06/2006

    Groetjes uit Amsterdam – 4. Senza parole

    Filed under: — JE6 @ 20:16

    Questi post stanno chiaramente menando il can per l’aia. Non sto dicendo nulla, non sto raccontando nulla. Poco male, ovvio, visto che è tutto a gratis. E’ che Amsterdam mi fa questo effetto: mi toglie le parole. Perchè puoi raccontare dei sexy shop, delle canne, delle case pendenti, delle migliaia di bandierine arancioni, delle migliaia di splendide indigene, dei rasta, dei telefilm in lingua originale, dei canali, delle chiese e delle puttane. Ma sono cartoline che avete già visto mille volte.

    Groetjes uit Amsterdam – 3. Questione di feeling

    Filed under: — JE6 @ 20:07

    Sono sceso dal treno, ho attraversato il primo ponte, mi sono avventurato in Oudezijds Kolk, che è il primo canale subito dopo la stazione. Ero in giacca e cravatta – mi pareva che tutto il mondo mi stesse guardando, e forse era proprio così.

    Groetjes uit Amsterdam – 2. Bycicle race

    Filed under: — JE6 @ 20:05

    Ve la ricordate Bycicle Race dei Queen? Una delle quindici canzoni decenti che hanno fatto nella loro carriera, ma questo è un altro discorso. A un certo punto si sente un allegro scampanellio, un inserto trash di quelli di cui erano maestri, e che ha spesso fatto l’allegria della persona corta che vive in casa mia (e che al momento occupa la mia porzione di letto, ma anche questo è un altro discorso). I ciclisti olandesi, e quelli di A’dam in particolare, di scampanellare se ne sbattono allegramente. La strada è loro, e se ti arrotano sono cavoli tuoi. Hanno tutti una faccia di inaudita arroganza, si capisce che ti sfidano sapendo di vincere. E sono dappertutto, in quantità spropositata; intorno alla stazione ferroviaria di Haarlem ho fatto un conto a spanne di circa tremila biciclette – qui, l’unica è rifugiarsi in prossimità dei canali, diolistramaledica (i ciclisti, non i canali).

    Groetjes uit Amsterdam – 1. Bella Napoli

    Filed under: — JE6 @ 19:58

    Bella è bella, Amsterdam. Con il sole, il cielo azzurro, i riflessi sull’acqua dei canali, gli effluvi dai coffee shop; è bella come Napoli, con il suo infernale casino, e i quintali di spazzatura accatastati in strada.

    Groetjes uit Haarlem- 1. Anche qui

    Filed under: — JE6 @ 19:43

    Haarlem è una bella cittadina, con la sua brava piazza, i suoi bravi canali, i suoi bravi coffee shop. E la sua gelateria Tremonti.

    Groetjes uit Eindhoven – 5. Mando il CV

    Filed under: — JE6 @ 08:11

    Ma voi non vorreste lavorare in una azienda che ha istituito il Friday Drinking Meeting – tutti a bere nel pub aziendale dalle quattro del pomeriggio del venerdì, fino allo sfinimento totale? Se mi dicono che c’è posto, mando il curriculum, giuro.
    Il che, tra l’altro, eviterebbe di andare a cena con ex colleghi a mangiare carne di canguro – ma questa è un’altra storia.