< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • November 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/11/2006

    La storia la scrivono i vincitori

    Filed under: — JE6 @ 11:28

    Non ho tempo di andare a recuperare i commenti “di centrosinistra” alle elezioni americane che si sono succedute nell’ultimo decennio. Andando a memoria, però, mi pare di ricordare un atteggiamento del tipo “la democrazia è una gran bella cosa, peccato che dia diritto di espressione anche ai farmer dell’Iowa e ai bovari del Texas, e questi sono i risultati“. Ricordo male? Credo di no.
    Così, oggi trovo parecchio discutibile la parte finale dell’editoriale di Ezio Mauro su Repubblica: “Un Paese con un pil che cresce quasi del tre per cento, con la disoccupazione sotto il cinque, sa fare una valutazione politica generale, votando contro una leadership ideologica, una guerra sbagliata, una cultura politica antimoderna, che separa per la prima volta l’America dal mondo. Le sfide che gli Usa e le democrazie hanno davanti restano intatte, naturalmente: ma l’Occidente da oggi può affrontarle con i suoi valori, restando se stesso.
    Eppure, gli elettori che ieri hanno votato contro sono gli stessi che due anni fa hanno votato a favore della guerra sbagliata e della cultura politica antimoderna di cui scrive Mauro: ventiquattro mesi sono sufficienti a cambiare i valori di fondo di una società? Io ho qualche dubbio, e credo che se gli Stati Uniti avessero potuto portare in Iraq tre o quattrocentomila soldati, invece di centotrentamila, avrebbero ottenuto una vittoria (di Pirro, forse, ma una vittoria – almeno nel breve termine) che oggi avrebbe mantenuto in sella i repubblicani, valori o non valori. Mauro dovrebbe avere sufficiente esperienza per sapere che la storia la scrivono i vincitori – e quindi anche i grandi sconfitti.
    Repubblica.it