< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • April 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/04/2007

    Pulled my trigger, now he’s dead

    Filed under: — JE6 @ 08:46

    Io non ho dubbi sul fatto che la possibilità di comprare – legalmente – un’arma a ogni angolo di strada faciliti le esecuzioni di massa stile Blacksburg: ma i mitra non sparano da soli, in genere.

    13 Responses to “Pulled my trigger, now he’s dead”

    1. laflauta Says:

      Ma secondo lei, ogni tanto, un giro di mitra per gli uffici non lo faremmo tutti, durante qualche giornatina giusta?

    2. Lot Says:

      Giustificazione sempre più debole, vendiamo direttamente le atomiche al bar allora, mica esplodono da sole, poi che possano finire in mano a chiunque amen…

    3. severine Says:

      Se all’inizio del film compare una pistola, stia sicuro che prima della fine sparerà.

    4. severine Says:

      Oppure: si potrebbe usare il metodo empirico e dare in dotazione ai nostri studenti dei mitra invece dei soliti videofonini.
      Il termine “shooting” va bene uguale.

    5. Carlo Says:

      I pazzi sono ovunque. Certo che se gli diamo la possibilità di armarsi facilmente poi succedono queste cose.

    6. andiuarol Says:

      Essere americani, di questi tempi, aiuta molto.

    7. Squonk Says:

      Non voglio sottovalutare la pericolosità della vendita di armi: che si trovano a prezzi bassissimi (ricordo un Loan Office ad Atlanta, Edgewood and Jackson, più o meno: metri e metri di vetrina di “Rifle on sale”). Ma mi chiedo se gli USA siano l’unico paese con questa diffusione delle armi e con questa frequenza di omicidi di massa. Perchè insomma, da noi (in genere) se ce l’hai con un professore te la prendi con lui, e se ce l’hai con la (ex) fidanzata te la prendi con lei: il grilletto lo premi una volta sola. Non so.

    8. Carlo Says:

      sono tanti, ci sono più pazzi che da noi. Poi vivi un po’ di tempo nella provincia americana e guarda se non diventi pazzo dopo un po’.

    9. Trani Says:

      IL pazzo un arma se vuole la trova senza fatica. In Italia non si trovano al supermercato è vero, ma non è abbastanza facile procurarsene una.

    10. Camillo Says:

      Il cinese arriva da Shanghai, dopo 8 mesi sbrocca e fa una strage. Lì è permesso portare armi, qualunque tipo, e siccome le armi sono fatte per sparare… noi siamo belli, bravi e previdenti a richiedere il porto d’armi. Poi trovi due ragazzotti, qui, da noi, nella civile Europa, nella meravigliosa Italia… che prendono un handicappato, provano ad ammazzarlo a colpi di pietra e lo derubano. Senza sparare! Siamo mooolto meglio.

    11. Massimo Morelli Says:

      Hanno scoperto che mettere le medicine nel blister invece che nel barattolo riduce effettivamente il numero dei suicidi. L’applicazione al caso di specie è lasciato al lettore per esercizio.

    12. Massimo Morelli Says:

      s/lasciato/lasciata/;

    13. glider Says:

      mah, forse tirare un grilletto è un po’ asettico. troppo facile.
      o forse son balle ovvero mera questione d’abitudine, d’altronde in afghanistan spiccano la testa dal collo con disinvolta surplace.
      bisognerebbe rimettere il giudizio ai freddi numeri, probabilmente ne macella in maggior numero e con più truculenza il traffico dell’A4 tra brescia e milano che lo squinternato sparatore del campus.
      dai, non è colpa mia, è il male che è banale di suo.

    Leave a Reply