< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/11/2007

    Scambi

    Filed under: — JE6 @ 11:29

    Gaspar chiude il suo account su Facebook perchè questo (Facebook, non l’account) apre alla pubblicità: per essere precisi, “Facebook ha cominciato a vendere la sua community alla pubblicità”.
    Pur conoscendo bene, avendone discusso anche di persona più volte, la viscerale antipatia di Gaspar per tutto ciò che è marketing e pubblicità (lui dirà che non è così e farà mille distinguo: beh, non credetegli) io credo che il motivo della sua scelta sia essenzialmente un altro: Facebook non gli serve a nulla, o comunque a molto poco. Se avesse una vera utilità, il suo account sarebbe ancora vivo e vegeto seppure accompagnato da un buon numero di lamentazioni: la logica sarebbe quella del “servizio contro rottura di scatole”, equivalente a quella del “servizio contro denaro”. Ma se la situazione è “poca utilità contro rottura di scatole”, allora non ne vale più la pena: no?
    Gaspar Torriero

    10 Responses to “Scambi”

    1. Gaspar Says:

      “scarsissima utilità contro infinita rottura di scatole” descrive meglio il mio atteggiamento, e in effetti ho chiuso l’account prima di sapere di queste iniziative. Non che la notizia mi abbia invogliato a ripensarci.

      La mia viscerale antipatia: spero tu sarai d’accordo con me che la pubblicità rappresenta un ripiego, una seconda scelta rispetto al contatto diretto che, prima di internet, semplicemente non era possibile per la produzione di massa.

      Ma oggi appunto c’è internet, e questo contatto diretto è sempre più possibile. Allora, io credo che fare pubblicità su internet sia un uso stupidissimo del mezzo.

      Spero sia un errore di gioventù.

    2. Squonk Says:

      spesso chi vive internet (incluso me) ne sopravvaluta e di molto la capillarità. In realtà, lui sosteneva, il web illumina e connette gli illuminati, e fa (o può) molto poco per attirare chi non è ancora ‘illuminato’: per questo, dice, devi passare prima per la carta stampata, partire dalle piazze, dai bar, dalle edicole, e solo poi pensare di parlare via web.”
      No, non credo che sia un errore di gioventù.

    3. Gaspar Says:

      Potrei anche essere d’accordo con Gianluca, ma allora a maggior ragione: se sul web ci sono gli illuminati, perché parlare loro con il linguaggio della carta?

    4. robba Says:

      Giusto. Anche a me non serve a nulla.

    5. Maurizio Goetz Says:

      Che ipocrisia, non dovrebbe più usare Technorati perchè ha la pubblicità così come tanti altri servizi gratuiti. Se gli utenti non pagano, come si sostengono i servizi? Che poi la pubblicità sui social media sia realmente efficace, poi possiamo anche discuterne.

    6. Squonk Says:

      Gaspar, sul web – come Gianluca scrive bene e come chiunque di noi sa – NON ci sono gli illuminati. O meglio: sono solo una sparuta minoranza, così come in qualunque altra esperienza umana. Il web, oggi, nonostante le simpatiche bazzeccole che ci vengono propinate sull’user generated anything è – molto ovviamente – utilizzato in maniera incredibilmente televisiva, incredibilmente “mass”. Tutto lì, poi noi (io, te, quelli che si cercano le informazioni o limano gli aggettivi) possiamo anche credere di essere il centro del mondo. Non è così, ma non è un problema: non facciamo del male a nessuno.

    7. Nicola Mattina Says:

      Ecco bravo, Facebook non serve proprio a niente… E anche Linkedin non mi è servito a molto: per il monento lo uso come agenda degli indirizzi in cui i miei interlocutori possono scrivere da soli le informazioni su se stessi: una specie di Highrise 🙂

    8. Gianluca Says:

      Aehm, eccomi. Io prima di giudicare sono abituato a provare le cose, e voglio quindi dare loro il beneficio della prova.

      A parte profiling, targeting e balle varie vecchio stile, che mi interessano poco peraltro, in FB stanno provando a generare “conversazioni sponsorizzate” in cui gli user potranno girare ai loro contatti esperienze che hanno avuto con le aziende che parteciperanno all’esperimento.

      Cmq non sono preoccupato: se questa cosa di Facebook e del cocktail tra ads e social sara’ una marchetta travestita da social, morira’ da sola, se funzionera’ sara’ solo perche’ ci saranno users a cui non dispiace interagire con aziende e prodotti, e che faranno da untori volontari delle loro esperienze.

      Comunque rinnovo l’invito a non vedere *noi* come utenti medi standard di quella piattaforma, proprio per nulla: non mi meraviglierebbe vedere teenager che volentieri interagiranno (per esempio) con l’ultimo film hollywoodiano. Certo interagire con la Sprite è l’ultimo stadio umano, ma ci sono situazioni intermedie da studiare, nel mezzo.
      ciao
      gluca

    9. Squonk Says:

      [mini], sottoscrivo. Tutto. E devo dire che l’interazione con la Sprite mi pare una delle cose più attraenti che FB potrebbe offrirmi, visto l’utilizzo che ne faccio oggi e la crescente sensazione di irrilevanza che mi prende quando mi loggo (oddio, la Sprite magari no: ma la McEwan’s, o la Kwak o – ebbene sì – la Fanta Birch [proprio quella lì a destra, bevuta al World Of Coca Cola di Atlanta], ecco).

    10. Gianluca Says:

      ah, dimenticavo: per contestualizzare la mia frase che tu hai citato, si riferiva allo scopo preciso di ‘cambiare l’informazione locale e la politica di massa in una piccola città di provincia”

    Leave a Reply