< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/11/2007

    A volte c’è, a volte no

    Filed under: — JE6 @ 17:04

    Qualcuno ha una pur pallida idea di che cosa sia una terza corsia “dinamica” e di come diavolo la si possa costruire (ad esempio a Bologna San Lazzaro, dove il cartello della Società Autostrade fa bella mostra di sè)?

    9 Responses to “A volte c’è, a volte no”

    1. camillo Says:

      Semplice… abolisci quella d’emergenza in orario di punta….
      Scherzia parte… a Vancouver – 1994 – c’era un ponte che univa le due coste del fiordo su cui cresce la città. Il fiordo è di una settantina di km, per cui quel ponte è di importanza cruciale e trafficato: le carreggiate (a doppia corsia) erano “mobili” la mattina quella di sorpasso verso fuori città diventava parte della direzione “verso” la città e viceversa la sera con il traffico che usciva dalla città. Un paio d’ore la sera, un paio la mattina a 3+1 corsia ed il resto del giorno a 2+2. “Arguto” direbbe Bisio.

    2. vic Says:

      Un po’ come la terribile autostrada a tre corsie di Savona, incubo della mia infanzia: unica carreggiata senza guardrail, la corsia centrale che per qualche chilometro spettava a un verso di percorrenza, per qualche chilometro all’altro, un tasso di frontali da record.
      Questo trent’anni fa, non ho idea di come sia ora.

    3. Gio Says:

      mica tanto scherzi… il progetto e’ proprio quello: negli orari di punta le corsie di emergenza saranno utilizzate per il traffico regolare. geniale.

    4. AnniKa Says:

      Esatto, a intervalli regolari, sopra la corsia di emergenza (ma anche sulle altre), ci sono degli schermi: se compare una croce rossa significa che la corsia corrispondente ha la funzione di corsia d’emergenza, se invece compare una freccia verde significa che la corsia può essere utilizzata per il traffico regolare.

    5. camillo Says:

      A Vancouver dalla strada saltavano su (e giù) dei “birilli” lampeggianti, non erano un guardrail, ma aiutavano… ed era solo un ponte!

    6. stark Says:

      Cacchio! E io che speravo fosse un tapis roulant, così da far muovere i veicoli anche in caso di ingorghi.

      (mica una brutta idea, perdinci)

    7. Noantri Says:

      Non lo so.
      Riguarda forse una piscina olimpionica?
      [Ste]

    8. papi Says:

      Anche questa mattina l’ambulanza è rimasta bloccata nel tratto di autostrada intasata davanti a casa mia.
      Aboliamo la corsia d’emergenza nel momento in cui è più necessaria?
      Arguto, molto arguto, ripeterebbe Bisio, augurandosi di non essere lui l’infartato.

    9. tittirossa Says:

      @vic: in francia le routes regionales se non sbaglio sono così, 3 corsie di cui quella centrale “mobile” segnalata a terra. I cartelli ti dicono invece quanti morti ci sono stati su quella strada negli ultimi mesi.

    Leave a Reply