< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Gabo, e mio papà
  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    11/01/2008

    Speranze

    Filed under: — JE6 @ 08:28

    A me incontrare una persona che legge Carver mette sempre di buonumore, è come avere la conferma che là fuori c’è una speranza di vita, che non è tutto pianto e stridor di denti. Poi venire a sapere che quella persona sta addirittura leggendo John Kennedy Toole, quello della banda degli idioti, beh, non dico che ci sia da cerchiare in rosso la data sul calendario, però, ecco, quasi.

    9 Responses to “Speranze”

    1. edo 66 Says:

      Anche se leggere Carver non mette propriamente di buonumore sono d’accordo con te. Oggi, in treno, avevo di fronte un lettore dei Fratelli Karamazov e, accanto, una lettrice di Sveva Modigliani. Non si può mai essere totalmente felici!

    2. Squonk Says:

      Mioddio, una scena inquietante.

    3. chamberlain Says:

      uno dei motivi per cui sono contrario al successo degli e-book è che ti privano della possibilità di un sano pregiudizio verso le persone in base al libro che stanno leggendo.

    4. Achille Says:

      Sir, sono inquietato. Che io amo Carver devo averglielo detto, ma per sapere che sto leggendo Kennedy Toole deve essere entrato nel mio bagno nell’ultima settimana…

    5. Pank Says:

      JKT lo lessi anni fa e non mi piacque da morire, però. Mi fece simpatia, ecco.
      Carver è Carver, diobono

    6. JohnnyDurelli Says:

      Che tu ci creda o no, Achille mi ha preceduto. Avrei scritto la stessa identica cosa.
      Epperò.
      Posso dirlo, così, su due piedi? A me Carver non entusiasma neanche un po’. Mi pare insipido. Ecco, l’ho detto. Che fai, mi fucili?

    7. Squonk Says:

      Gentile Signor Durelli, facciamo che lei non ha scritto e io non ho letto, va bene?

    8. JohnnyDurelli Says:

      Eddai, SIR. Io non ho avuto la stessa reazione quando hai detto che non ti piacevano i Beatles; (mi permetto di darti del “tu” per non mandarti in crisi, eh).
      Però davvero: Carver non mi dice nulla. Mi sembra una scrittura asettica che non dà da pensare. Son generico e dovrei dilungarmi, lo so: ma poi tu mi censureresti. 🙂

    9. lud_wing Says:

      Mi verrebbe da fare come nei bagni: “A chi piace Carver metta una riga”, ma non fa rima.

    Leave a Reply