< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/01/2008

    Greetings from Madrid ’08 – 1. Arrivo

    Filed under: — JE6 @ 16:58

    Mentre passiamo sopra le mesas di Tarragona ho tra le mani un libro di Riszard Kapuscinski; sulle pagine leggo le descrizioni della lussureggiante natura africana – le foreste del Congo, le spiagge del Dahomey (buon Dio, il Dahomey: non esiste più, credo, come la maggior parte degli stati raccontati in quel libro) – ma dal finestrino vedo questo sconfinato tavolo di terra rossiccia, che in alcuni punti diventa di un carminio strano, come di una pelle bianca scottata dal sole. L’aereo scende verso Barajas, e più si avvicina meglio si vedono le autostrade che tagliano l’altopiano pietroso come incisioni nel Das, e un incongruo fiumiciattolo che costeggia l’aeroporto. Percorriamo la pista, il tetto del terminal ricorda la parte superiore della bocca dei Rolling Stones, in lontananza si vedono quattro enormi grattacieli schizzare verso l’alto emergendo dalla terra piatta dell’altipiano. Chiudo il libro.

    One Response to “Greetings from Madrid ’08 – 1. Arrivo”

    1. lester Says:

      Il Dahomey adesso si chiama Benin.

    Leave a Reply