< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • Sapone
  • Di isole e futuro
  • Sulla mappa
  • Nulla da vedere
  • Inevitabilmente
  • March 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    18/03/2008

    Si tira un respiro e si passa avanti

    Filed under: — JE6 @ 08:32

    I casi della vita, dice: e così, nel giorno in cui scrivo “io ogni tanto penso alla mia prima elementare ed ai miei compagni, e penso anche che mi farebbe piacere rivederli tutti”, uno di quei compagni – uno dei più cari in assoluto: Herr Effe – chiude definitivamente. Dirò solo che mi dispiace, per motivi che hanno a che fare con la ragione (un po’) e con gli affetti (forse di più). Oggi i miei ricordi sono legati alla persona, più che al blog e alle storie che vi sono state raccontate: un lontano pomeriggio nella periferia torinese, ad esempio, chiusosi in una sala biliardo. Poi, insomma, si tira un respiro e si passa avanti, come si deve fare: good night, and good luck.
    Herzog, Squonk (quello vecchio)

    8 Responses to “Si tira un respiro e si passa avanti”

    1. riccionascosto Says:

      Io provo a ricordarmelo, quel lontano pomeriggio torinese, anche se non c’ero.
      Mi ricordo che parlò di una partita, e che discorremmo a lungo di David Niven (era lui, sì). Imparai pure qualcosa su Pizzaballa, pensi un po’. E quasi quasi, avrei bevuto un chinotto anche io.

      Ma ha ragione, Sir.
      Si tira un sospiro e si passa avanti (anche perché le persone – e quello è l’importante – restano).

    2. laflauta Says:

      Voglio pensare che chi chiude un blog lo faccia perchè ha ben di meglio da fare. Voglio pensare che sia un sopravvissuto. Voglio pensare che ne è uscito, e non gli freghi più una mazza della blogcosa. Voglio pensare, caro Squonk, che prima o poi il suo lato “prima era tutta campagna” trovi pace. Le cose, oibò, finisco. Si soffi il naso, e via andare.

    3. Squonk Says:

      Cara Flauta, se non temessi di compromettere una ipotetica cena a Chioggia chez Jackie le direi di leggermi meglio: abbiamo tirato il respiro e siamo andati avanti – via andare, appunto. I motivi per cui il mio caro amico chiude il suo blog sono irrilevanti, nel senso che non hanno a che fare con il mio dispiacere: questo è legato al fatto che lui mi mancherà, nel modo strano e particolare in cui possono “mancare” le persone via web, niente di più e niente di meno.
      Detto questo, il mio lato “prima era tutta campagna” sta benissimo così com’è: perchè so che non era tutta campagna, mica per altro.

    4. caporale Says:

      @laflauta: ma come, a me uno spritz e a squonk una cena (chez jackie, perdippiù)? cosa devo pensare, dico

    5. Squonk Says:

      Cap: è un pour parler santocielo, non mi faccia il geloso.

    6. caporale Says:

      non mi faccia il geloso, sì. ammetterà che la disparità è evidente: da una parte lo spritzettino, dall’altra la cena (di pesce, immagino, che dicono abbia effetti afrodisiaci misurabili sulla scala Richter).

    7. cristina Says:

      ma che bella la storia del lontano pomeriggio nella periferia torinese.
      tutto finisce certo, l’importante è mantenere ricordi così.

    8. laflauta Says:

      ma caporale, dico! lei non solo non mi ha offerto nessuno spritz, ma peggio! era un cappuccino, diamine, un cappuccino! cosa ci dovrebbe essere di afrodisiaco in un cappuccino!!!

      …eppoi io l’ho portata a mangiare pesce. Ecco.

      Lei pianifichi. Sa benissimo che non disdegnerei mai una cena con contorno di buona conversazione. E che tanto manderei in bianco anche brad pitt, quindi le mogli dormon sogni tranquilli….

    Leave a Reply