< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • August 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/08/2008

    Piuttosto

    Filed under: — JE6 @ 14:51

    A Milano, i vecchi hanno questo modo di dire: “Piuttost che nient, l’e mej piuttost” – insomma, qualcosa è meglio di nulla, che sia lavoro, cibo o amore fa poca differenza.
    Ogni volta che ho sentito mio suocero pronunciarla, ho pensato che quella frase fosse un concentrato di quel buonsenso e di quella inossidabile capacità di resistere, quella che ha fatto passare lui e la sua generazione – quella dei miei genitori – quasi indenne attraverso bombardamenti, emigrazioni, lavori incerti, fame e tutti gli altri ovvii guai dell’esistenza.
    Ma capita che i casi della vita ti fanno pensare se e quanto quella frase sia “giusta”. Casi non tuoi, ma che – riguardando persone alle quali vuoi molto bene – finiscono per esserlo, anche se quelle persone non ti hanno chiesto consiglio. E ti rendi conto che una risposta non ce l’hai: o meglio, è solo la tua risposta, e sai bene che è davvero tutto relativo. Stare con una persona a mezzo servizio, passare otto ore al giorno in un ufficio solo per lo stipendio. Meglio piuttosto, o meglio niente? Il tuo carattere ti farebbe dire che è meglio piuttosto, che quella persona ti può dare ciò che la solitudine non ti offre – un bacio, una telefonata, una parola -, che quel lavoro a volte ti riempie la giornata con regali che si sommano alla busta del ventisette – un aumento non richiesto, un cliente che ti fa i complimenti – cose che non avresti se tu fossi a casa a guardare il soffitto.
    Certo, potresti invece dire a quelle persone che, almeno per un po’, sarebbe preferibile il niente al piuttosto, sarebbe meglio non accontentarsi e dare un calcio a tutto e tutti. Ma capirebbero che tu ci credi come ad un’ipotesi di scuola, una tesi da libro di hard discount, un enunciato filosofico. Perchè per te la vita non è ricerca quotidiana e costante della felicità – che quello è il modo perfetto per essere costantemente e completamente infelici – ma è provare a costruire qualcosa su ciò che un po’ il tuo merito e un po’ la fortuna ti hanno dato, sapendo – o provando a convincersi – che le cose sono spesso meno belle e altrettanto spesso meno brutte di come ce le dipingiamo.
    Sarebbe una risposta, una di quelle possibili. Tuo suocero sarebbe d’accordo con te. Quelle persone a cui vuoi bene, chissà.