< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • August 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/08/2008

    Una semplice domanda

    Filed under: — JE6 @ 22:38

    Sono seduto su questa poltrona da forse due ore. Mi sono svegliato all’alba, dopo aver dormito molto poco, come al solito; ho sollevato piano il piumone, sono scivolato fuori dal letto, mi sono vestito al buio senza fare rumore e sono uscito nella luce incerta del mattino nella campagna danese. Mi sono girato a guardare la fattoria, poi ho iniziato a camminare nel prato, guardando il vapore del respiro prendere forma nell’aria fredda di questo rantolo di agosto scandinavo e ascoltando null’altro che il silenzio perfetto della solitudine. Non so per quanto tempo ho camminato: non porto l’orologio e la batteria del palmare aveva già esalato l’ultimo respiro. Sono rientrato in casa quando le mani hanno iniziato a perdere sensibilità per il freddo, ho attraversato leggero il grande salone, sono entrato nella camera e mi sono affondato nella grande poltrona piazzata a un metro o due dal letto. Ho ascoltato il suono ovattato del suo respiro nel sonno, ho adattato le pupille al filo di luce che passa dalla giuntura delle due pesanti tende e l’ho fissata per un tempo infinito, i capelli castani lunghi e mossi, le labbra piene, la larga canottiera bianca che fa intravedere il seno. Non ha mai cambiato l’espressione del volto, cristallizzato in quello che mi immagino essere una specie di sorriso – e chissà invece cos’è. Mi sono dimenticato della notte passata, aspettando che fosse giorno anche per lei. Mi è sembrata di una bellezza quasi dolorosa. Ora, finalmente, si sta svegliando; si muove lentamente, si gira pigra, piega e poi stira le gambe. Mentre si volta verso la poltrona sulla quale siedo, preparo un sorriso e una frase che contenga la dolcezza del buongiorno e la voglia del non alzarti e fammi posto sotto quel piumone; lei mi guarda con un’espressione indefinibile, frena a stento uno sbadiglio, si passa una mano tra i capelli: poi si appoggia su un gomito, e mi dice con la sua voce roca: “E tu, chi sei?”

    Milano, ore sette

    Filed under: — JE6 @ 07:33

    Sono in giardino che guardo il sole alzarsi dietro i palazzi. E’ un breve momento sereno, bello. Passa, però c’è. E il bello è che ritorna. Buongiorno.