< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • August 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/08/2008

    Andare avanti

    Filed under: — JE6 @ 09:52

    Se c’è una cosa che ho imparato durante questa estate – una cosa che forse ho sempre saputo, ma un conto è averne la nozione, altro è toccare con mano, sia in senso letterale che in quello più moderno delle nostre relazioni a distanza – è che noi umani abbiamo una capacità di resistenza ai limiti dell’infinito.
    Ci arrivano addosso le botte più dure e cattive, la malattia di un genitore o quella di un figlio, la perdita del lavoro, lo sfratto, il tradimento: e andiamo avanti. Cadiamo e ci rialziamo, ci sediamo ad aspettare che passi, e poi continuiamo. Sempre, ogni giorno. E’ più facile farlo, forse, quando c’è qualcosa di materiale da fare, quando si deve affrontare un problema concreto che ha una faccia, un nome, una definizione scientifica: un tumore è un tumore, per dire, così come un licenziamento è un licenziamento; i contorni sono chiari, ben definiti, ti rimbocchi le maniche e ti curi, o ti cerchi un nuovo lavoro. Forse (ma non ne sono sicuro: e chi lo è?) è invece più dura affrontare qualcosa che quel nome non ce l’ha, perchè diventa difficile capire cosa fare, su cosa concentrare l’attenzione. E però, nonostante tutto andiamo avanti: e non è vero che non abbiamo alternative. Lo sappiamo tutti benissimo che l’alternativa c’è, ce la troviamo davanti agli occhi ogni volta che passiamo davanti a una finestra o quando ci troviamo di sera, da soli, sul molo della amena località nelle quali stiamo trascorrendo le vacanze. Siamo troppo deboli, troppo pavidi per quella scelta? Non so. E se essere forti non fosse altro che essere deboli e avere lo stesso il coraggio di fare le cose giuste?
    [Se in queste righe trovate qualcosa di sensato, non è farina del mio sacco. Però ci vuole un po’ di discrezione, voi capite]