< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • October 2008
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/10/2008

    Distanze

    Filed under: — JE6 @ 07:55

    Scrivo qui sopra da poco meno di sei anni. Che, da qualunque punto di vista ad esclusione di quello di un geologo, non sono pochi. Qualche migliaio di post, molte migliaia di commenti, centinaia di persone incontrate e conosciute, nei molti modi che la vita di oggi rende possibili. Forse non dovrei stupirmi più, eppure. Eppure mi stupisco. Mi stupisco, ad esempio, che dall’altra parte del mondo, a un numero imprecisato di fusi orari da Greenwich+1, ci sia qualcuno che mi dice di me più e meglio di quanto io stesso sono capace di fare. La cosa sciocca è mettersi a confrontare questa persona con coloro che senti ogni giorno, chiedendosi perchè questi ultimi non siano capaci di fare altrettanto: sciocca, sì, perchè magari non vogliono farlo, o magari non è così importante farlo, e di sicuro hanno i loro problemi e le loro beghe e han ben di meglio da fare che stare a discutere dei massimi e dei minimi sistemi con te, e comunque non siamo tutti uguali e poi dalle persone non puoi pretendere, ti puoi augurare che facciano o non facciano delle cose. Poco meno di sei anni (e gli altri vissuti prima di avere un diario senza lucchetto) avrebbero dovuto insegnarmi a non stupirmi. Eppure.

    Piccola tragedia in due battute

    Filed under: — JE6 @ 07:39

    – Sei sveglia?
    – No.
    [Non continua]