< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • October 2008
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/10/2008

    Chiarificazione in due battute

    Filed under: — JE6 @ 11:34

    – Capisci?
    – No.
    [Continua, ovviamente; cambia solo l’interlocutore]

    Una giornata nel limbo

    Filed under: — JE6 @ 09:45

    Ci fermiamo davanti agli schermi della vecchia Malpensa, dove orami i viaggiatori in giacca e cravatta sono tanti quanti i vacanzieri otto-giorni-e-sette-notti. L’aereo per Parigi ha un’ora e mezza di ritardo. Primo caffè, acquisto quotidiani. Il tempo di leggere un paio di pagine, e le ore di ritardo diventano due. Occhi al cielo, disbrigo mail, quattro chiacchiere. Adesso il ritardo scende a un’ora e cinquanta. Vado in bagno, va bene ti aspetto. Due ore. Ci spostiamo agli imbarchi. Rilettura dei documenti per la riunione del pomeriggio, altre quattro chiacchiere. Due ore e venti. Noia, abbrutimento; non ci sono nemmeno aerei in pista da guardare come fanno i bambini. Imbarco. Due ore e quarantacinque. Volo. RER. Altre quattro chiacchiere, un paio di telefonate. La banlieu parigina, brutta, triste e grigia come sempre. Trenta euro per due hamburger e due birre. Due ore e mezza di riunione. Taxi, RER. Ora di punta. Zaini, sacchetti di plastica, corani tascabili, valigette. Andiamo subito agli imbarchi, sì sono stanco. Una birretta, magari. Due mail, due sms, grazie di tutto. Che ne pensi della riunione, poteva andare meglio. Mezz’ora di ritardo. Ancora. Sete. Atterraggio. Pioggia.