< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • November 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/11/2008

    Approfittatene ora, o mai più

    Filed under: — JE6 @ 12:37

    Assecondando una crisi di stanchezza e un poderoso calo glicemico, il titolare qui cede al suo personale svacco. I commenti di questo post sono aperti agli emoticon.

    Il mondo nuovo

    Filed under: — JE6 @ 08:18

    Io capisco l’entusiasmo, che è una cosa bella e ne dovremmo avere tutti un po’ di più eccetera eccetera. Ma voi vi siete davvero svegliati in un mondo nuovo e migliore, dopo l’elezione di Obama? Così, per prudenza: non era il caso di limitarsi a sperare che queste magnifiche sorti e progressive si possano davvero realizzare, rimandando queste celebrazioni che sfiorano (e purtroppo, ogni tanto oltrepassano) il ridicolo a dopo il loro compimento?