< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2009
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/05/2009

    Viaggiare, allo specchio

    Filed under: — JE6 @ 12:54

    Ho girato un po’, in questi giorni. In macchina, che per certi aspetti rimane ancora il modo migliore – soprattutto quando si può abbassare il finestrino e sentire il suono delle gomme sull’asfalto e nient’altro. Assisi, il Subasio, Gualdo Tadino, Fabriano, Matelica, Camerino, Correggio. Non ho avuto tempo di scriverne, ma mi piacerebbe farlo finchè le immagini sono ancora nitide. E per tutto il tempo ho avuto questa sensazione, che provo ogni volta che metto piede in quella che viene chiamata “la provincia”, la sensazione che viaggiare serva spesso più a capire come siamo noi a casa nostra che come vivono gli altri a casa loro. E non è sempre una bella scoperta.