< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/02/2010

    Non vedo, non sento, parlo

    Filed under: — JE6 @ 14:09

    E’ storia vecchia, dibattuta fino alla nausea (che poi è un po’ quella che viene ad ascoltare un buon numero di sue frasi), ma la profonda e indistruttibile italianità del PresDelCons – quella peggiore, quella di bassissima lega – non viene mai smentita: io non c’ero, se c’ero dormivo, se per caso ero sveglio guardavo da un’altra parte e così non ho visto un muro alto tanti metri e lungo molti chilometri mentre la macchina che mi scarrozzava lo costeggiava per tutto il tempo necessario a farmi dare quella sbirciatina che invece, giurin giuretta parola di boy scout, non ho proprio dato.
    Affaritaliani

    Moving social

    Filed under: — JE6 @ 10:08

    Uscire quando si sa di non incontrare né i vicini sul pianerottolo né altri condomini in ascensore. Scegliere il percorso più indolore nel passaggio tra due fermate della metropolitana. Memorizzare i giorni di passaggio dei mezzi della nettezza urbana e cambiare strada di conseguenza. Dribblare l’entrata della scuola elementare. Regolare la velocità sul vialone per minimizzare i tempi di attesa ai semafori. Rallentare il passo per non dover dividere l’ascensore con quelli dei mutui del secondo piano. Arrivare in ufficio mezz’ora prima del primo collega.