< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/02/2010

    Non ho nulla

    Filed under: — JE6 @ 14:42

    Papi.
    Dimmi.
    Vieni qui in sala?
    Un minuto e arrivo.
    Dai, per piacere.
    Arrivo, ho detto.
    Sono qui da sola, uffa.
    Eccomi.
    Te ne stavi di là per conto tuo.
    Sì, lo sai che non sopporto le cose che guardi in televisione.
    Guardiamo quello che vuoi tu.
    No, non ti preoccupare. Non c’è problema, stiamo qui insieme.
    Sei arrabbiato?
    No, perché?
    Sembri così.
    No, davvero. Non ho nulla.
    Non sembri contento.
    Ma no, stai tranquilla ti ho detto.
    (…)
    (…)
    Potresti sorridere, però.

    Everybody here comes from somewhere

    Filed under: — JE6 @ 08:59

    Ho la macchina carica di bambini, sei persone corte di nove anni, compagni di classe di mia figlia. Stiamo andando a una festa, io guido in silenzio perché ai bambini non so mai cosa dire, non ci so fare conversazione – e poi loro sono occupati a sfogarsi dopo le otto ore di scuola, salutano i compagni nelle altre macchine della colonna che li sta portando al cinema, ridono, a un incrocio una mi fa una capriola che la catapulta dalla terza alla seconda fila di sedili e io guardo nello specchietto retrovisore e non vedo teste ma due piedi che si muovono come pupazzi dei Muppets. “C’è la musica in questa macchina?” mi chiede il mio vicino e io schiaccio il tasto Pause e la faccio ripartire – “ehi ragazzi, la musica, dai che mette la musica” – attraverso la grande rotonda dove rimaniamo ingorgati dietro a un autobus e li guardo, loro sentono la chitarra ma non capiscono le parole, per fortuna non le ascoltano nemmeno – “no one saw your face no one saw your fear” – li vedo, mi chiedo quanti sono già quello che saranno, là in fondo c’è quella piccolina e bellissima ma con l’espressione della cattiva dei telefilm, e il sudamericano che sarà sempre tradito dai capelli andini, il piccolo Richie Cunningham al quale ritroverò il cappello qualche ora dopo, quella nervosa e piagnucolosa che darà pace ai suoi fantasmi ma sarà sempre troppo tardi. Parcheggiamo, non faccio in tempo a dire “giù tutti” e sono già sciamati veloci come molle trattenute, intravvedo mia figlia nel gruppo, uguale a tutti gli altri, rispondo a un messaggio, entro nel multisala.