< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/05/2010

    Il giorno di dolore che uno ha

    Filed under: — JE6 @ 14:45

    E’ un giorno di festa. Dall’altra parte della strada si vedono il mare, e il vento che fa muovere le bandiere stracciate e stinte degli avvisi fuori stagione. Alziamo i jeans al ginocchio, camminiamo parlando delle cose normali, lavoro, aerei persi, politica, carrozzieri. Dai, che bello, vai a New York. Sulla battigia troviamo un lungo pezzo di legno, che si porta dietro un mazzo di fiori marciti. Caffè? Caffè. Girando il cucchiaino, mentre sei sopra pensiero e hai appena finito di scacciare i tuoi fantasmi, ti viene da dire “E tuo fratello?”; e ti fermi un secondo prima di aprire bocca, quando la lama nello stomaco ti ricorda che è morto, e non tornerà più. Oh, magari domani andiamo a vedere la cava, se fa brutto.