< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/05/2010

    Mai. Di nessuno.

    Filed under: — JE6 @ 14:33

    Potresti essere tu, con il tuo completo elegante, la ventiquattrore di cuoio usata al punto giusto e l’aria di uno che non suda mai, nemmeno in metropolitana, ad agosto, alle sei del pomeriggio.
    Potresti essere tu, con il tuo sari colorato, il braccialetto al polso e le rughe millenarie.
    Potresti essere tu, con il tuo vestitino rosa, lo zainetto dei Teletubbies e i boccoli da bambina degli anni Quaranta.
    Potrebbe essere chiunque: tu, la persona davanti a te, quella che sta entrando proprio adesso nel toboga di corde elastiche che incanalano il traffico dei passeggeri affannati.
    Mi hanno insegnato questo, quando mi hanno assunto per fare il controllo di sicurezza, e me lo ripetono ogni due settimane, quando facciamo il corso di aggiornamento: non ti fidare. Mai. Di nessuno. Sii discreto, non far trasparire alcuna emozione, non lasciare lo sguardo un decimo di secondo in più nella scollatura della ragazza in partenza per Dublino, non mostrare fastidio guardando i gomiti lisi della giacca di panno del vecchio che va ad Ankara. Tieni sempre gli occhi aperti, stai pronto. Sotto quelle due camicie ben piegate. Lì, nell’angolo, vicino al pacchetto confezionato con cura in una profumeria del centro. In mezzo ai reggiseni.
    Non ti fidare. Mai. Di nessuno.
    Mi hanno insegnato questo. Faccio questo, ogni giorno. Poi esco di qui. Quando ci vediamo mi stringi, mi baci. Io ti guardo negli occhi. E no, non è facile diventare un’altra persona.

    Compagni che sbagliano

    Filed under: — JE6 @ 06:47

    Io non capisco la sorpresa per i tifosi della Lazio che tifano per la sconfitta della loro squadra, a sinistra son cent’anni che lo facciamo.