< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/05/2010

    Bassa velocità

    Filed under: — JE6 @ 19:13

    Riprendo un Intercity dopo tanto tempo e tante – presunte – altevelocità. Ho sempre amato il treno, fin dai tempi dell’InterRail e delle littorine tra Macomer e Iscra. Continua a piacermi il passare tra case in costruzione, campi coltivati, torrenti, colline, stagni; sentire le traversine e il dondolio ipnotico del vagone che ci passa sopra, immaginare la vita che si fa nelle fattorie, avvertire la fitta del ritorno a casa sotto la volta di Milano Centrale. E magari mi sbaglio, ma mi pare che anche la vita dentro questo scompartimento sia più dolorosamente vera di quella che si sposta sul Frecciarossa. Corro sempre, e vengo costretto a una maggiore lentezza: sono a disagio, mentre dovrei godermi tutto questo, il tramonto, il libro chiuso sul tavolino, gli accenti forti che vengono dai sedili alle spalle. E invece.

    Al porto, in gita

    Filed under: — JE6 @ 13:13

    Il lungo semicerchio delle case circonda il porto. Nell’acqua scura galleggia una mela, rossa e gialla, persa chissà da chi. Sale un odore di salmastro mentre sul grande palco si provano i suoni del concerto e i raggi riflettono sui grandi sigari che puntano verso il cielo. Nella sala cento persone brindano e ridono e fotografano come in una gita del liceo fuori tempo massimo. Qualcuno è qui, qualcuno sta da un’altra parte – con la testa o con lo stomaco. Nelle vie strette della città vecchia si spande profumo di incensi da quattro soldi. I camerieri portano il caffé, mentre qualcuno riprende la via verso un treno.