< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/05/2010

    La lunga nuvola bianca

    Filed under: — JE6 @ 09:28

    Quando il portiere appoggia il dito sull’interruttore la piccola piscina e il pozzo e il parco  scivolano nel buio. Al primo piano l’uomo che sta seduto sul largo davanzale, con le spalle appoggiate a un’anta della finestra e le stringhe slacciate, guarda le ore. Alle due di notte rimangono una lunga nuvola bianca sopra le colline lontane, le stelle che in città non si vedono quasi mai, una manciata di ricordi tanto belli quanto dolorosi, l’anta semiaperta della grande doccia e la sensazione fisica di cose preziose da coltivare. L’uomo si alza, stira le gambe rimaste a lungo incrociate, dà un’ultima occhiata alla nuvola e chiude la finestra; in una città lontana la tastiera scrive la buona notte.