< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • Sapone
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    05/03/2011

    In partenza al binario 3

    Filed under: — JE6 @ 09:40

    Non sono mai stato un pendolare nel senso comunemente dato al termine. Anche se, pensandoci, a mio modo lo sono stato, non avendo mai lavorato a Milano prima di quest’anno: Bernate sopra Ticino, Sesto San Giovanni, Vimodrone, Arese, Corsico – impiegando per anni a raggiungere l’ufficio lo stesso tempo che mi sarebbe occorso per arrivare a Bellinzona o Torino. Ma non ho esperienza di treni e ritardi e corse per non perdere coincidenze e impianti di riscaldamento non funzionanti e tutto il racconto tristemente epico che un paio di volte all’anno posso leggere nei reportage della cronaca locale di Repubblica. Così oggi, che sono su un regionale tra Bologna e Falconara, guardo stazioni solitarie e innevate, ho tempo di fissare muri che abbisognerebbero di una mano di colore, leggo striscioni che riportano a feste in onore dei ferrovieri del compartimento di Bologna del 1988, osservo vagoni raminghi su binari morti, ascolto studenti che tornano a casa per il weekend – oh ciao anche tu qui, che fai, dormo, lo vedo, e tu, provo a comporre – non ho fretta e ho tempo di vedere le cose che per me hanno il fascino di un’indolente mattina di sabato, tra ragazze senza mento che dormono con la bocca aperta, capannoni di varie metrature affittabili telefonare ore ufficio, betoniere e cascine, prima di tornare sul FrecciaRossa, o sul 24 Duomo-Vigentino, capolinea via Dogana.