< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/03/2011

    A sort of homecoming

    Filed under: — JE6 @ 11:57

    Uno dei pochi vantaggi del tempo che passa è che a volte ti capita di tornare nei posti, in posti che conoscevi, dai quali magari manchi da tanto tempo. Anche nella tua stessa città, quella dalla quale non ti sei mai staccato. C’è una specie di slargo in via Lamarmora, qui a Milano. Un negozio di cancelleria, che oggi che si è ammodernato offre anche l’accesso a Internet. Poi il marciapiede torna a stringersi. Ecco, proprio lì c’è un palazzo bellissimo, di due o tre piani, costruito in uno stile che io non conosco perché non ho studiato, i balconi tondi e morbidi, e dei fregi, una pietra chiara con delle venature calde che devono essere belle anche quando Milano è grigia di inverno e freddo e umidità, e pensa oggi che fa caldo e c’è il sole. Mi sono fermato a guardarlo, quel palazzo, poi ho pensato a quanti anni erano che non passavo in via Lamarmora – una trentina, forse. Mi sono girato, ho guardato il grande portone di legno con il fregio che lo sormonta, da quel portone è entrato e uscito mio padre una vita, Terzo Battaglione Carabinieri “Lombardia”, e mi sono ricordato tante altre cose. Ma questa è un’altra storia, che non si racconta qui, non oggi.