< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • Sapone
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    18/03/2011

    E tu, che lavoro fai?

    Filed under: — JE6 @ 14:19

    Devo andare in un’università a parlare di lavoro. Del mio, e di quello che fanno i miei colleghi. Il che da una parte mi obbliga a capirlo, il lavoro dei miei colleghi – tutti, e non solo quelli con i quali ho a che fare quotidianamente. Ma dall’altra mi costringe a capire il mio: o meglio, a trovare le parole giuste per descriverlo, e mi rendo conto che la cosa non è facile. Siamo ormai in tanti a fare lavori vaghi, forse perché le dieci o dodici ore che ci dedichiamo ogni giorno vengono riempite da cento cose diverse, spesso legate tra loro in modo molto lasco. Non è questione di precarietà o meno, la differenza in questo caso non penso che venga fatta dalla tipologia di contratto che si ha avuto la fortuna di spuntare – è proprio il cambiamento delle cose che facciamo: senza sciocche venerazioni per i nobili mestieri del tornitore e del panettiere, c’è questo aver a che fare con cose che tanto spesso hanno la consistenza di quella che qui a Milano chiamiamo fuffa – i social network, i “Mario Rossi è diventato fan di (azienda a caso)”, i business development, i mobile contact strategy, i data mining analytics. A volte penso che se i nostri clienti vedessero il dietro le quinte delle presentazioni che gli facciamo, le riunioni che le precedono, allora sì che ci sarebbe da ridere. Non perché non prendiamo sul serio quel che facciamo, ma perché quando ci parliamo fra di noi sappiamo essere “terra terra”, e a volte ci capita anche di essere capaci di chiamare le cose con il loro nome. Poi penso che loro non sono messi meglio di noi, e che gli uni e gli altri alimentiamo una finzione di parole della quale siamo reciprocamente consapevoli, e allora pari e patta, va bene così. Solo che un giorno devi andare in un’università a parlare di lavoro, del tuo lavoro, e ti rendi conto che fai troppa fatica a cercare le parole giuste, e ti chiedi se questo non sia un segno dei tempi del quale avresti volentieri fatto a meno.