< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • September 2013
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/09/2013

    Reverse benchmark

    Filed under: — JE6 @ 17:41

    Un po’ per il lavoro che faccio facevo, un po’ per pura esperienza quotidiana, mi sono abituato a trattare con il massimo scetticismo le opinioni della gente che conosco e a (tentare di) respingere l’idea che esse siano rilevanti e diffuse; perché se fosse per loro, per quelli che conosco e frequento e ascolto o leggo, il governo Letta avrebbe il tre per cento di gradimento, il Milan sarebbe una grande squadra, non esisterebbe un lunedì senza The Newsroom, il PD sarebbe un partito quantomeno di centrosinistra (o, a seconda dei giorni, di destra liberista fuori tempo massimo), il Corriere venderebbe due o trecento copie e tutte in zona Solferino-Moscova, i Massimo Volume sarebbero primi in classifica, cose così. Non che quelle opinioni o quei gusti siano sbagliati, anzi (oddio, si fa per dire, l’elenco l’ho truccato un po’, ci sono non meno di tre voci buttate lì solo per il gusto della caciara); se vogliamo il problema è proprio quello, il pensare pigramente che, considerandoli giusti, siano perciò condivisi e quindi rappresentativi: il che si rivela, ogni volta, una fregatura di proporzioni colossali, o almeno pari a quelle dell’illusione che l’ha generata. E così sto lavorando sulla soluzione definitiva: prendere ciò che sento e che mi pare giusto e condivisibile come una specie di reverse benchmark, eliminando al tempo stesso le categorie di buono e cattivo, di giusto e sbagliato. Così prima o poi un’elezione, un Emmy, un campionato lo vinco anch’io.