< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • September 2013
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/09/2013

    Da sveglia

    Filed under: — JE6 @ 13:54

    Chissà quando si è addormentata. Fino a poco fa sentivo la sua voce, lì sulla mia destra, sull’altro lato del corridoio, vicina al finestrino dal quale adesso si vede Orvieto. Un bell’accento napoletano, con quel modo tutto loro che hanno di dire “scemo” e un vocabolario da ragazzina fuori tempo massimo. Lavora nella moda, qualunque cosa questo voglia dire, e sta tornando a casa a fare un colloquio – così dice. Ha organizzato la serata, quando ho finito ti messaggio, ma giura che sei in macchina con R., ma io lo adoro, passamelo che lo saluto. Poi, appunto, si è addormentata. Bella donna, bionda naturale, elegante, curata senza eccessi. La testa le cade un po’ sulla sinistra, e nel sonno le viene una smorfia strana, la bocca che è rimasta sorridente per due ore si chiude, si aggriccia, per qualche minuto pare avere molti più anni di quelli che mostra da sveglia. Non emette suoni, non le si appesantisce il respiro, le mani restano perfettamente appoggiate su un ginocchio, eppure improvvisamente si imbruttisce come se la bellezza fosse il risultato di una grande e costante opera di controllo, quello che non riesce a esercitare mentre dorme. Quando ripassa il controllore lei avverte uno spostamento, riapre gli occhi e d’incanto ritorna quella che era quando siamo partiti da Milano; guarda il display del telefono, getta un’occhiata fuori dal finestrino, passa un dito svogliato sulla prima pagina di Repubblica e sorride, perfetta.