< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • October 2013
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/10/2013

    Greetings from Chicago 2013 – Senza vedere l’altra riva

    Filed under: — JE6 @ 15:02

    Ho la camera al diciottesimo piano di un albergo che sta in riva al lago, su North Lakeshore Drive, qui sotto vedo questa grande strada e le sue otto corsie che portano in giro centinaia di migliaia di persone, e i runner che si allenano lungo la spiaggia, e il Navy Pier. E poi alzo un po’ gli occhi, e là davanti c’è il lago Michigan. E sto lì, in questi giorni si vede al largo qualcosa che pare abbastanza grossa da essere una nave, sto lì a guardare questa massa infinita d’acqua – tu te lo immagini un lago lungo cinquecento chilometri e largo duecento? io no, non riesco mai a farmene una ragione -, sto lì a fissarla dall’alto, non si vedono le sponde, non se ne vede il termine, sto lì a metà dell’altezza di un grattacielo e con un lago grande quanto un nostro mare davanti agli occhi, e penso che l’America è questa cosa qui prima di tutto, che è una cosa che va oltre la comprensione e ti prende dentro, e ti porta via.

    One Response to “Greetings from Chicago 2013 – Senza vedere l’altra riva”

    1. speakermuto Says:

      Per me l’America è il contrasto tra le grandi città costiere e i paesini del midwest; in mezzo, i deserti: ti fermi, e ti trovi in the middle of American nowhere.

    Leave a Reply