< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • October 2013
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/10/2013

    Greetings from Chicago 2013 – Milwaukee Avenue

    Filed under: — JE6 @ 18:53

    C’è molto traffico sulla highway, mi dice il tassista, così farei un’altra strada, se per lei va bene. E per me va bene, ho un po’ di tempo, basta che non rimanere imbottigliati qui. E così usciamo dalle quattro o cinque corsie dell’autostrada, ed entriamo in una Chicago che non vedrei mai se non in un caso del genere. E’ la città delle case basse, delle vie larghe con lo spartitraffico fatto da un prato lunghissimo e largo e pieno di alberi, degli scuolabus gialli, è la città che poi a un incrocio si trasforma e diventa altro senza averci fatto passare da un confine, da una dogana – ora i messicani, con il tricolore e i ristoranti e i punti esclamativi rovesciati e i colori vivi e forti, e poi i polacchi – ma quanti sono i polacchi qui? – per non so quanti chilometri potremmo essere a Varsavia, ci sono vetrine dove l’inglese non compare nemmeno come seconda lingua, qui un avvocato, lì un parrucchiere, le salsicce e la wodka, c’è persino la stessa luce piovosa che ho trovato a Stare Mesto in una sera di febbraio. La via è sempre la stessa, è eterna questa Milwaukee Avenue che prima di portarti in aeroporto ti fa fare il giro del mondo spostandoti da un isolato a quello successivo e se il semaforo è verde non te ne accorgi neanche. Dopo i messicani e polacchi arrivano degli altri ispanici, ma in mezzo c’è una casa, un tenero centro comunitario curdo, che sta da solo in mezzo a sudamericani ed est-europei e quella casa sembra l’immagine perfetta di gente che ha un destino così, ramingo e vessato e solitario. Poi Milwaukee Avenue finisce, si trasforma in qualcos’altro, e un’altra volta cambiano le case, sono altri quartieri residenziali, tutto sembra più ricco e lindo eppure un filo meno vero, come se in certi momenti fossero un certo squallore o l’apparente fatica di arrivare alla fine del mese a rendere le cose più reali, o forse solo più vicine – là dietro l’ultima rampa, riprendiamo l’autostrada, which terminal sir?

    Leave a Reply