< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • October 2013
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/10/2013

    Greetings from Detroit – Zombie Land

    Filed under: — JE6 @ 21:15

    Non so dove finisce, ma so dove inizia. Woodward Avenue parte praticamente in riva al lago, e poi prosegue per un numero indefinito di chilometri, anzi di miglia. Attraversa downtown passando attraverso palazzi di una bellezza architettonica abbacinante, poi inizia a tagliare le trasversali che portano i nomi delle miglia – ehi, questa è 8 Mile, è quella di Eminem giusto? – e i paesi senza un centro e poi va avanti ancora, chissà dove finisce, magari dentro al lago cento chilometri, anzi miglia più su, come un fiume dentro al mare. Passa dentro e a fianco di una quantità di storie che fai persino fatica a immaginare, la grandezza di Motor City, i disordini razziali, la migrazione di un milione e mezzo di persone in poche decine di anni. Uno stupendo cimitero ebraico, un milione di vetri rotti. S. mi fa cenno con la mano, là verso sinistra, dopo un enorme spiazzo di asfalto spezzato da erbacce e crepe, due palazzi alti forse trenta piani, e qualcuno è andato in cima, ha scritto con la vernice una lettera per ogni finestra, guarda cosa c’è scritto mi dice, io leggo, “Zombie Land”. Riportiamo lo sguardo verso la strada, tra poco ci fermeremo alla Pancakes House, è una giornata magnifica lungo Woodward Avenue.

    Leave a Reply