< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • December 2013
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/12/2013

    Puzzle

    Filed under: — JE6 @ 17:52

    Il puzzle viene dispiegato sul tavolo di legno di un pub. Nella sala a fianco due ragazzi uccidono una canzone con la serena incoscienza dei brufoli. Viene fatto spazio, si spostano i bicchieri di birra e i cestini dei toast caldi, stai attenta a quel sedile ché è rotto. Sembra tutto perfetto, gli incastri precisi, la figura nitida – è un mosaico fatto da pochi pezzi, semplice. Eppure, senza una ragione precisa né una valida spiegazione, c’è posto anche per un’altra tessera, un po’ diversa dalle altre, come se fosse stata fabbricata da qualche altra parte, in un altro luogo, da qualcuno che parla un’altra lingua. Non c’è nemmeno bisogno di spingere, di forzare – come in una buona famiglia, di quelle che si ritrovano con le proprie consuetudini, i propri tic, le proprie battute che nessun altro capirebbe tutto è al suo posto, e senza fatica. Passa la cameriera, prende l’ordinazione del secondo giro, se ne va, ritorna perché sono due rosse e una chiara o due chiare e una rossa, butta un’occhiata al puzzle, pare che sorrida.

    Leave a Reply