< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • May 2014
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/05/2014

    “Comunque tutta st’emozione per essere diventati democristiani”

    Filed under: — JE6 @ 11:30

    Rimane il fatto che, in ogni modo, capire la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando. Forse la cosa migliore sarebbe dimenticare di aver ragione o torto sulla gente e godersi semplicemente la gita. Ma se ci riuscite… Beh, siete fortunati.

    Philip Roth, commentando le elezioni di ieri.

    [Il titolo è la (cit.) di un’amica mia, che poi insomma dalle torto. Ma oggi va benissimo non averci capito un cazzo, e sentire tutti i gne gne – motivatissimi. Va bene così]

    One Response to ““Comunque tutta st’emozione per essere diventati democristiani””

    1. marcell_o Says:

      io sono andato a dormire ieri sera angosciato, senza guardare gli exit poll, con la paura di svegliarmi in un paese fascisteggiante, qualcosa per cui dover rendere conto (come hai scritto un paio di post fa)
      quindi oggi questo presunto “essere democristiani” mi sta bene, mi suona come “the day after”: siamo nella merda naturalmente, ma abbiamo ancora tutto per possibilità (come dice il maestro)

    Leave a Reply