< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2021
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/05/2021

    Running, standing still

    Filed under: — JE6 @ 14:22

    “B. è entrata in azienda quando aveva quattordici anni” mi dicono mentre beviamo alla salute di questo donnino fatto di acciaio che oggi va in pensione. Faccio quattro conti veloci, parliamo di circa quarantacinque anni fa. Faccio anche il conto di quante aziende ho cambiato io in un lasso di tempo certamente molto più corto: otto. Tante, poche? Non lo so. Una, una sola, quella è poco di sicuro mi dico. Poi penso a dove ho vissuto: sempre nello stesso posto, case diverse ma tutte concentrate in meno di tre chilometri quadrati. Tanto, poco? Non lo so. Non ho mai provato il bisogno di andarmene: forse perché il mondo l’ho girato lo stesso, un po’ per fortuna e un po’ per tigna. Sarei stato diverso se una sliding door di venti anni fa mi avesse portato in un altro paese, come sembrava non solo possibile ma quasi certo? Sì, sicuramente. Ma di gente che ha riempito la mappa di bandierine senza dare la sensazione di avercene guadagnato ne conosco, e allora chissà, forse la verità è che non c’è una regola, non ce n’è una che valga per tutti o almeno quasi, e che forse, al nocciolo, la vita di B. e la mia non sono così diverse.