< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Gabo, e mio papà
  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • March 2024
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    28/03/2024

    Madeleine

    Filed under: — JE6 @ 16:37

    Ieri ero a pranzo dai miei. Una cosa semplice, mi aspettava un pomeriggio di lavoro e loro sono anziani (piuttosto anziani) e non mangiano né tanto né elaborato. E insomma, mentre mangiavo quel piatto di linguine sono stato trafitto dalla consapevolezza che arriverà un momento in cui quel sapore non potrò più gustarlo. Mangerò – come ho mangiato mille e mille volte in passato – cose più buone, anche molto più buone: ma mai più quelle, quei quattro o cinque piatti che hanno il timbro di mia mamma, con i quali sono nato, cresciuto e invecchiato, che potrei riconoscere a occhi chiusi in qualsiasi posto e in ogni momento. Mi è venuta una malinconia indicibile, e infatti non l’ho detta. Ho finito il piatto, e ho chiesto se fossero avanzate un paio di forchettate.

    2 Responses to “Madeleine”

    1. Sba Says:

      Caro lei, come sa mi trovo in una situazione simile, con l’aggravante che mia mamma sempre più spesso giura di non aver mai fatto questo o quel piatto, quando invece per alcune prelibatezze è sempre stata detentrice di meritata cintura nera (su tutte ratatoujia, frittata con luppolo e melanzane alla parmigiana, che “potrei riconoscere a occhi chiusi in qualsiasi posto e in ogni momento”). Anziché malinconia – sa il cielo quanto poca ne meritiamo – ho trovato però il modo di trarre forza, e gioia, nel sapere che quel tempo c’è stato per davvero, e che quei ricordi multisensoriali mi accompagneranno finché la natura me ne concederà il beneficio. Avrò sempre con me la sacchetta di juta dove mettere la borraggine e i luppoli selvatici raccolti nella vasta campagna dietro casa, saprò sempre come posizionare le dita per scovolare gli gnocchi, terrò sempre un cucchiaio di ripieno dei ravioli da parte per poterlo mangiare di nascosto.

    2. [Sir] Says:

      Sì, capisco. Nel nostro caso invece la strada si fermerà e basta, siamo il prodotto dell’ibridazione di un passato lontanissimo in un territorio affatto diverso e certi rami semplicemente a un certo punto non germoglieranno più. La malinconia viene da quello.

    Leave a Reply