< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • Sapone
  • Di isole e futuro
  • Sulla mappa
  • Nulla da vedere
  • Inevitabilmente
  • December 2023
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    29/12/2023

    Gentilezza

    Filed under: — JE6 @ 12:37

    Che esiste una cosa come la cruda, incontaminata, immotivata gentilezza.

    Chissà chi aveva in mente David Foster Wallace quando scrisse questa frase (che sta dentro una mezza pagina di Infinite Jest che andò subito dritta tra le sue cose più belle e famose). Quando capita – incontrare quella forma di gentilezza e chi la incarna regalandola inconsapevolmente agli altri – è come vedere un diamante, o un arcobaleno: meraviglioso, e raro.

    Ma c’è un’altra gentilezza, meno straordinaria, forse in qualche modo meno nobile, e non per questo meno preziosa nella vita di tutti, di ogni singolo e della società nel suo insieme. L’ho vista diverse volte, e certamente più spesso di quanto mi sarei aspettato, in questi giorni di ospedale e infermieri e operatori sanitari e medici e pazienti e familiari e amici.* E’ quella che si riceve perché ce la si merita, perché a propria volta la si è seminata anche per semplice buona educazione, sulla quale si è innestato poi un grazie in più, o detto col sorriso che le circostanze consentono, o un gesto cortese non richiesto, o un per favore sarebbe così gentile da. E’ una gentilezza che spesso non sgorga spontanea, alla quale si arriva dopo una frazione di secondo durante la quale si sceglie quella strada e non l’altra fatta di secchezza, pretesa anche legittima, espressione seria. E’ una gentilezza che costa più fatica e grazie alla quale si tiene insieme un pezzo di mondo: e che, se non si è ciechi e sordi, ritorna moltiplicata nelle forme più svariate che rendono la vita qualcosa non solo di più sopportabile, ma persino di bello.

    * Va tutto bene, stiamo bene tutti e ora siamo tutti a casa.

    Leave a Reply