< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • February 2003
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    2425262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/02/2003

    La sindrome del foglio bianco

    Filed under: — JE6 @ 18:02

    A me, questa ragazza che di notte entra negli uffici dell’Università e si accredita ventitrè (!!!) esami, un po’ fa pena ed un po’ mi suona poco credibile. Partiamo dalla credibilità: dunque, l’articolo che leggo afferma che la ragazza avrebbe dato una ventina di esami durante i primi anni di studio; se poi si è aggiunta ventitrè numerelli sul libretto, è arrivata a quasi quarantacinque. Dalla laurea breve a quella extralarge, insomma. Ma, comunque, se anche il trucco fosse solo su cinque o sei esami, mi fa pena perchè me la immagino frenetica, sudata, con la quasi certezza di essere – prima o poi – scoperta, e quindi stretta tra il martello dei carabinieri e l’incudine della famiglia e della vergogna. Penso a mia figlia, e mi auguro con tutto il cuore di non fare mai nulla che la metta in condizioni simili.

    Leave a Reply