< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • March 2012
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/03/2012

    Vista dall’alto sembra un treno che non finisce mai

    Filed under: — JE6 @ 18:00

    Non sono andato a controllare l’anno perché non ho voglia di intristirmi più di quanto non lo sia già, ma il giorno in cui morì Bob Marley me lo ricordo piuttosto bene. Eravamo una manciata di cretinetti, e nel cambio tra la seconda e la terza ora ci dichiarammo tutti soddisfatti che quel tipo, per noi idolatrato senza un motivo al mondo, non ci fosse più; e lo facemmo, penso, nel modo povero e stupido di cui in generale sono capaci gli adolescenti di sesso maschile, gente che spesso si trova meglio con i grugniti che con le parole, figurarsi i pensieri.
    Non starò qui a scrivere della grandezza di Lucio Dalla,  uno dei pochissimi di cui io sia a conoscenza che sia stato capace di scrivere suonare e cantare il Disco Perfetto, né di quanto, per un sacco di tempo, farò fatica a riascoltare qualcosa di suo – sono tutte cose che altri saranno di sicuro [1] ben più capaci di fare rispetto al sottoscritto. Dirò invece che per un brevissimo istante ho capito perfettamente cos’hanno provato quelli ai quali si son gonfiati gli occhi quando sono morti Amy Winehouse o Whitney Houston o Michael Jackson, e in fondo è vero che pure dalla morte – almeno quella altrui – si può imparare qualcosa.

    Di versi straordinari ne ha scritti mille, vai a sapere perché il mio preferito è questo che viene da Meri Luis, a sua volta la mia canzone preferita per quanto questo possa interessare – questa vita che passa accanto e con le mani ti saluta e fa ”bye bye”, questa vita un po’ umida di pianto, con i giorni messi male, vista dall’alto sembra un treno che non finisce mai – e il titolo viene da lì, nient’altro.

    [1] Se c’era una persona sulla quale avrei scommesso, questa era proprio Guia. Leggetelo tutto, il suo pezzo su l’Unità, soprattutto questo brano: “Dentro, oltre a Futura e a Meri Luis, c’erano Balla balla ballerino e Cara, che da sole basterebbero a fare una carriera, che da sole basterebbero ad appagare le ambizioni di un cantautore medio.
    Il guaio è che quelli che muoiono erano sempre «il più grande», e quindi poi non si nota la differenza quando muore davvero il più grande. Il guaio è che non abbiamo il senso della misura, e quindi già ieri, coll’immediatezza che pare ormai obbligatoria, con la mancanza di silenzio cui ci ha condannato l’opinionismo da social network, era tutt’un operare distinzioni: e però ha fatto anche cose brutte, cose commerciali, cose da dimenticare. E però. E però non ci sono opere minori che attenuino l’impatto di certe, maggiori. Se hai scritto Quale allegria e Com’è profondo il mare, hai diritto a tutte le Attenti al lupo, tutti i varietà del sabato con la Ferilli, tutti i toupé a nido di rondine e le collaborazioni sanremesi che vuoi. Hai diritto di divertirti come ti pare. Dalla aveva, sempre, l’aria di uno che trovasse divertentissimo il proprio essere la storia del pop, una figura di riferimento, un classico.”

    5 Responses to “Vista dall’alto sembra un treno che non finisce mai”

    1. stella Says:

      E perchè non dire: per fortuna che ci sia stato, lasciando tanta gente grata per le sue parole cantate e che non passeranno mai. La prima volta che lo ascoltai, avevo circa 6 anni, era estate ed ero …. a mare e in un bar dove c’era tanta gente all’improvviso sentii:”Caro amico ti scrivo”, mi bloccai e non so ebbi il presentimento che questa canzone mi sarebbe appartenuta tanto…e fu così. La pensai triste e mi emozionò!

    2. stella Says:

      In piazza grande come in tutte le altre piazze Lui è Grande!

    3. fede Says:

      quella canzone lì è in una delle pochissime cassette (cassette, non disci. figurarsi poi cd) che avevo originali a casa da bambina. a un certo punto del lato A si sentiva in sottofondo la canzone che stava dall’altra parte sul lato B, e mi piaceva persino quello.

    4. Stella Says:

      Il giallo serale!

    5. Stella Says:

      Un classico camaleontico direi. Ed anche se poveretto era bruttino forte, risultava affascinante all’ascolto e soprattutto di presenza, con quel suo fare speciale e anticonvenzionale, come le sue scarpe diverse di molto e portatee allo stesso tempo ai piedi e di fianco, al passo, per bologna centro e sette chiese..ovunque! Perchè a lui bastava esserci e vivere la sua città ed i suoi concittadini.

    Leave a Reply