< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • August 2021
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/08/2021

    Grandi Progetti

    Filed under: — JE6 @ 14:21

    Dopo poco più di tremilacinquecento chilometri, di cui duemila abbondanti fuori autostrada in dodici regioni e non so quante province, dopo essere finito in microscopici centri abitati che trovi solo al livello massimo di zoom di Google Maps e pregato ogni santo conosciuto di non avere intoppi meccanici dai quali mi avrebbero potuto salvare solo gli animali selvatici dei nostri residui boschi mi sono fatto il quadro di un paese da cartolina attraversato da un milione di tratti di strada incredibili fatti da migliaia di pezze di asfalto grosse come una piastrella una a fianco dell’altra su piani diversi che uno pensa “Ma quante centinaia di volte siete usciti per rattoppare, non potevate fermare e riasfaltare tutto insieme una buona volta”, ufficiosamente unito da ponticelli improbabili, bloccato da strettoie completamente ostruite da TIR sloveni che passano lì chissà perché, con stazioni ferroviarie che portano il nome di paesi lontani dieci, quindici o venti chilometri e chiuse come una cantoniera diroccata, un paese che prima del ponte sullo Stretto ha un bisogno disperato di treni funzionanti e strade rimesse a nuovo, altro che Grandi Progetti.

    Leave a Reply