< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • O. e le sue sorelle
  • 1,47
  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • August 2006
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/08/2006

    Business as usual

    Filed under: — JE6 @ 14:16

    E’ il due agosto.
    Alle sette di questa mattina, lo speaker del programma sulle condizioni del traffico parlava dei soliti 46-47 chilometri di autostrada “interessati da code”: quelli tra Bergamo e Milano, direzione Madunina.
    In città c’è meno gente; al tempo stesso, c’è una quantità ciclopica di cantieri, vie chiuse, restringimenti, forche caudine di ogni ordine e grado. Così, il rapporto auto/metro quadro è, se tutto va bene, immutato e il traffico è parossistico come se fosse il sei ottobre o il dodici maggio. In via Manzoni ho visto un buon numero di altri sciagurati come me, borsa di cuoio, giacca e cravatta ben stretta, affaccendarsi tra riunioni, clienti e contratti in scadenza.
    E’ il due agosto. Dicono.

    3 Responses to “Business as usual”

    1. severine Says:

      Senta, lei lo sa che tra i suoi visitatori maschi ci sono persone sensibili all’argomento “code sulla milano-bergamo”, perché non mette il bollino rosso a certi post?

    2. Squonk Says:

      Legga con un minimo di attenzione: parlo di code verso Milano, non verso Bergamo (nessun cambiamento di idea, eh?)

    3. severine Says:

      A casa dovremo pur tornare.

    Leave a Reply