< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2008
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/09/2008

    Gruesse aus Wiesbaden ’08 – 1. Sulla strada

    Filed under: — JE6 @ 23:02

    Parto con il sole, che si mantiene – a dispetto di ogni precedente esperienza – anche dopo il San Gottardo. Arrivo stremato a Basilea, con i muscoli della gamba destra ormai sfilacciati dal continuo alza-e-abbassa-il-piede-per-rispettare-i-dannati-limiti-di-velocità; ed in quel momento mi rendo conto di quanto la tecnologia possa migliorare la vita di un uomo, rallegrandolo e offrendogli insperati diversivi – infatti il navigatore mi ferma per due volte la colonna sonora per avvisarmi dell’avvicinarsi di un fantastico “pericolo generico”, il quale, una cinquantina di chilometri dopo, prende le forme di una Fiat 850 bianca targata Alessandria. Mi torna in mente la prima volta che ho percorso questa autostrada, a bordo di una 127 primo modello che ingurgitava molto più olio che benzina, e vorrei fermarmi ad abbracciare i due passeggeri del trabiccolo italico.

    Leave a Reply