< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • December 2011
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/12/2011

    Greetings from Ljubljana 2011 – La casa dei suoni

    Filed under: — JE6 @ 08:57

    Alle otto di sera, prima di entrare in un pub per berci una birra, giriamo intorno all’accademia musicale. A quell’ora i suoni della città si stanno attutendo, diminuisce il traffico, la zona pedonale va lentamente svuotandosi. Così sentiamo distintamente gli accordi di pianoforte, le prove di un paio di strumenti a fiato e la voce di un insegnante che ferma le prove per dare istruzioni, forse un tempo tenuto male, forse un amalgama da ripensare. Svoltiamo a destra, lungo il fiume, e ci fermiamo a guardare un ragazzino che avrà dodici o tredici anni, in piedi su un piccolo palco, un fazzoletto azzurro tra il suo collo e il violino che sembra grande quanto lui. Lui non ci vede, è messo di tre quarti con il volto puntato verso un adulto che non riusciamo a vedere, noi stiamo lì, con le mani in tasca, a fissarlo senza dire una parola.
    La mattina dopo, alle sette e trentacinque sto ancora passando da quelle parti, mi piace camminare quando le città si stanno svegliando, qualcuno è ancora in pigiama e qualcun altro invece sta preparando le bancarelle del mercato, qui il miele, là sciarpe e guanti, fa un freddo da far lacrimare gli occhi, vado ancora verso la casa dei suoni e adesso nella stessa aula del giovane violinista c’è una ragazza, anche lei non avrà più di quattordici anni, che suona la tromba – adesso le tende sono più scostate e vedo che la stanza è vuota, c’è solo lei che fa qualche passo mentre suona, e sembra che tutto sia a posto così.