< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • March 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/03/2005

    Verrà un giorno

    Filed under: — JE6 @ 11:51

    E quel giorno, la prof dirà “Apriamo il Granieri a pagina 28: con attenzione, mi raccomando, chè la prossima settimana interrogo”.

    Il commento, serio per quanto si può da queste parti, a breve.

    Come i marinai

    Filed under: — JE6 @ 11:44

    Ci pensavo giusto ieri sera in aereo, e poi ho letto questo post del buon Spiritum. In effetti, tra le molte cose belle che mi vengono da più di due anni di blog, c’è proprio questo: vado a Torino, e ho un amico; vado a Vicenza, e ne ho un altro; vado a Bergamo e, per dire, posso andare allo stadio in compagnia di un terzo; vado a Roma ed ho solo l’imbarazzo della scelta; torno nella madre patria nuragica, e so da chi farmi offrire un bicchiere di Cannonau; passo sotto il Vesuvio, e mi posso fermare a guardare gli aranci davanti alla stazione di Mergellina in ottima compagnia, e così se faccio una scappata in Riviera (adriatica, ligure di ponente, ligure di levante…). Tutta gente che conosco, e meglio di quanto non conosca la maggior parte delle persone che vedo tutti i giorni.
    Intendiamoci, c’è molto altro ancora che mi farebbe continuare ad accendere volentieri l’ambaradàn: ma non è mica poco, no. Anzi.
    Il sentiero giusto, Paolo Valdemarin (e molti, molti altri; e, già che ci siamo: buona Pasqua a tutti, e soprattutto a tutte)

    Disclaimer: la Gang-del-Movida non la cito, chè è troppo facile.