< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • March 2009
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/03/2009

    Fuori tempo

    Filed under: — JE6 @ 15:52

    La mattina di un giorno feriale di una famiglia media italiana – almeno di quella “tipo Mulino Bianco”: madre, padre e uno o due figli – è un gioco ad incastri, nel quale tutti hanno i minuti contati anche per l’ozio. Una cosa tipo Chaplin in “Tempi moderni”, solo un po’ più lenta, ma nemmeno di tanto. Il microcosmo familiare crea un suo proprio equilibrio, efficace e fragilissimo, basato sul rigoroso rispetto del proprio ruolo da parte di ciascun membro – quello che si sveglia per primo, quello che non esce mai dal bagno, quello che fa cadere la tazza del latte: se uno sgarra, tutto va a rotoli.
    Ora, per motivi qui irrilevanti, durante le ultime due settimane mi è capitato spesso di sgarrare: uscite ritardate, lavoro casalingo, cose così. E insomma, sono diventato il granello di sabbia che fa saltare l’ingranaggio. Mia moglie e mia figlia vanno spedite, non perdono un colpo: io, che di solito esco di casa quando la Persona Corta sta ancora dormendo e l’Azionista di Maggioranza inizia a sbrigare le sue faccende, mi rendo conto dell’esistenza di una vita a me prima ignota, fatta di gesti e movimenti codificati che capisco sempre un attimo dopo, nel malcelato disappunto della componente femminile della famiglia: vado contromano in corridoio, metto via una ciotola che invece serviva, apro le ante dell’armadio impedendo il passaggio a mia moglie, e così via. Quando posso, vado a sedermi sulla poltrona dello studio e le guardo, e sembrano Fred Astaire e Ginger Rogers (anche quando una grida all’altra di muoversi, e l’altra risponde all’una che ha già fatto, e in effetti sembrano anche Lemmon e Matthau, a ben vedere); loro vanno a tempo di swing, e non sbagliano un passo. Io accenno un minuetto, e le faccio inciampare.